Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news


Categoria: Psicologia infantile
0 Commenti Leggi i commentiInvia notizia Invia la notizia Stampa Stampa la pagina
Undici milioni le richieste d'aiuto dei bambini alle linee di ascolto nel mondo 19:35 - 28 Agosto 2007

Scritto da Aprikose Profilo autore
Questi i dati raccolti dal 'Child Helpline International'.
Risorse correlate
  1. Fonte: AGI
[] link interno     [] link esterno
Firenze, 27 ago. Sono oltre 11 milioni le richieste di aiuto che giungono in media ogni anno alle diversi linee telefoniche destinate ai bambini. Le stime sono di 'Child Helpline International', il network che comprende le linee telefoniche per bambini e adolescenti di tutto il mondo. I dati sono stati forniti durante il Symposium organizzato da Telefono Azzurro durante il XIII Congresso Europeo di Psichiatria Infantile.
"Le linee telefoniche rappresentano uno strumento efficace per la tutela della salute mentale nell'infanzia e nell'adolescenza", dichiara Thomas Mueller, a margine del simposio. "Lo dimostra il fatto che, solo nel 2005, anche se il primo motivo di chiamata resta sempre l'abuso, ben il 10% di oltre 1.350.000 chiamate ricevute dalle linee telefoniche europee fa riferimento a casi legati alla salute mentale".
Nell'ottica di armonizzare i servizi di utilita' sociale in tutta Europa, la Commissione Europea ha optato per la creazione di una serie di numeri telefonici comuni che rimandino ad un'assistenza coordinata. Tra le priorita' identificate in prima battuta, il numero unico di helpline per bambini, 116 111, ed il numero unico dedicato alla segnalazione di minori scomparsi, 116 000, che saranno disponibili nei vari Paesi europei a partire dal prossimo anno. Nei primi 4 mesi del 2007 sono stati effettuati dal 114 complessivamente 519 interventi in emergenza, con una media di circa 130 interventi al mese, vale a dire 4 al giorno. Il maggior numero di chiamate e' pervenuto dalla regione Lazio, seguono nell'ordine Lombardia e Campania. Se maschi e femmine sembrano coinvolti in egual misura nelle situazioni di emergenza o di disagio (da gennaio 2007 i maschi sono stati il 50,6% e le femmine il 49,4%), in relazione alla classe di eta' le segnalazioni pervenute al 114 riguardano per lo piu' i bambini di eta' compresa tra 0 e 10 anni.Quasi un bambino su quattro segnalato al 114 e' straniero.
La principale tipologia di emergenza per cui il 114 e' stato chiamato e' l'abuso nelle sue diverse forme (psicologico, fisico, sessuale, patologia della cura).
Per quanto riguarda le "altre problematiche" per cui viene contattato il Servizio 114, e' la piu' frequente e' il disagio riportato in seguito alla "separazione dei genitori" (12%). Il presunto responsabile della situazione di pregiudizio/pericolo per il minore e' nel 36% dei casi la madre, quindi il padre nel 35% dei casi segue l'educatore nel 5% dei casi.
Visite: 2110 | Stampa: 1047 | Voti: 44% (807 tot.)
Aggiungi un segnalibro a questa pagina Vota Referer di questa pagina
Commenta

SCRIVI UNA NOTIZIA - REGISTRATI PER INVIARE NOTIZIE



Stai cercando uno Psicologo/Psichiatra? CLICCA QUI